Stelle Spente

Ricordi?

Scivolavamo insieme
verso il nulla –
labbra fredde
alla deriva
di infinite illusioni
immobili,
inutili.

E il sudario del mare
ad avvolgere
i nostri sogni morenti.

Ricordi?

Liuti e flicorni
negli abissi –
variazioni di silenzio
lungo il nostro incedere
spettrale,
simulacro sterile
di vacue sembianze.

E l’eclissi d’ogni amplesso,
a spalancare il respiro
di una lacrima.

Ma non era tempo ancora
di morire.
Non con te.
Non per te.

Ricordati di me.

Capelli scarmigliati,
svanivo dai tuoi occhi –
stella spenta.
Germe di luce
per un altrove
palpitante d’attesa.

Ricordati di te.

Eroe caduto,
svanivi dai miei occhi –
stella spenta.
Vivente sepolcro
vuoto di parole,
vuoto di emozioni.

Nella mia crisalide,
ali di fenice
fremono in fiamme –
atroce bellezza
che non potrai conoscere
né ricordare.

 

Maria Laura Valente, in Lustralia – Abluzioni Liriche, LunaNera, 2016.

buco-nero

Annunci

Non Solo Giappone – ‘Metamorphosis’ vince il Premio Letterario Nazionale ChiaroScuri di Luna.

 

La mia lirica Metamorphosis Prima Classificata nella sezione poesia al Premio Letterario Nazionale ChiaroScuri di Luna, Gorgonzola, 30 Ottobre 2016.

 

Metamorphosis

Nacqui
da una fresca aurora –
ranuncolo pallido
occhi di vento dell’est,
sillabavo briciole d’arcobaleno.

Crebbi
sotto un lesto mattino –
esile betulla
plasmata da spume marine,
cantilenavo lucciole e stelle cadenti.

Scivolai via
nei rintocchi di mezzogiorno –
arbusto divelto
alla deriva di mondi in frantumi,
vaneggiavo di assenze e naufragi di sogni.

Trasmutai
lungo il declinare del meriggio –
virente paulonia
baluardo d’insperate emozioni,
narravo palingenesi a fior di labbra.

Fu allora che
un fiocco di neve
sbocciò
sul più alto dei rami
dischiudendo
una timida alba
sul far della sera.

E così
rimirando la mia gemma
veleggio verso il tramonto.

Diafano cristallo,
negli specchi del crepuscolo
rifletterai
un dì
la mia perduta essenza.

Eterea favilla,
conducimi piano
quel giorno
in un notturno luminoso
e nudo d’ogni oblio.

Maria Laura Valente